Rete estesa ai datacenter di OVHcloud

Rete estesa ai datacenter di OVHcloud

La soluzione di connessione ibrida OVHcloud Connect permette di collegare le reti aziendali alla rete privata vRack di OVHcloud in modo sicuro ed efficiente.

Il passaggio dalle nostre infrastrutture attraverso il servizio Direct consente di utilizzare un’interconnessione dedicata con banda passante da 1 Gbit/s o 10 Gbit/s.

Optando per la soluzione Provider con uno dei nostri partner (Equinix, Megaport e, a breve, altri) è invece possibile usufruire di una banda passante da 200 Mbit/s a 5 Gbit/s, oltre che di una copertura mondiale ancora più estesa.

Icons/concept/Cloud/Cloud Hybrid Created with Sketch.
Ibridazione e multicloud

Tutte le nostre soluzioni Cloud consentono l’interconnessione della rete degli utenti con le infrastrutture OVHcloud. In questo modo è possibile approfittare di una velocità garantita da 200 Mbit/s a 10 Gbit/s e ridurre la latenza rispetto alla rete pubblica (Internet).

Sicurezza

Adottare misure di sicurezza rigorose permette di evitare interruzioni di servizio e garantire la disponibilità e la protezione di dati e applicazioni anche in caso di incidenti critici (come malfunzionamenti hardware, software ed elettrici) o cyberattacchi.

Icons/concept/Counter Created with Sketch.
Semplicità e rapidità

Grazie al deploy automatizzato, di facile utilizzo e ancora più rapido soprattutto con i nostri partner, è possibile migliorare la qualità dei servizi configurando la propria soluzione di ibridazione direttamente dallo Spazio Cliente.

OVHcloud Connect Provider

A partire da 299,00 € +IVA/mese cioè 364,78 € IVA incl./mese Ordina adesso

Una o più connessioni da 200 Mbit/s a 5 Gbit/s, disponibili presso i nostri partner e in OVHcloud.

OVHcloud Connect Direct

A partire da 649,00 € +IVA/mese cioè 791,78 € IVA incl./mese Ordina adesso

Una o più connessioni dedicate da 1 Gbit/s o 10 Gbit/s tra i tuoi dispositivi di rete e la nostra backbone, in un Point of Presence (PoP) comune.

OVHcloud Connect in dettaglio

Map

Copertura mondiale grazie ai Points of Presence di OVHcloud e dei suoi partner

OVHcloud si colloca il più vicino possibile ai datacenter degli utenti, offrendo la possibilità di collegare la loro rete alle infrastrutture OVHcloud tramite i propri Points of Presence mondiali e quelli dei propri partner.

VLAN

Interconnessione di livello 2 o livello 3

Un’interconnessione di livello 2 permette di collegare in modo semplice la rete del proprio datacenter con la rete privata vRack di OVHcloud.

Il livello 3 consente invece di connettere la rete WAN della propria azienda con la rete privata OVHcloud vRack in modo che sia considerata come uno o più siti della rete aziendale. Questa opzione è l'unica disponibile per la soluzione Provider.

Ridondanza geografica e SLA

Ridondanza geografica e SLA

Le reti di livello 3 richiedono la creazione di una o più sessioni BGP (Border Gateway Protocol) esterne private tra la propria azienda e OVHcloud.

È preferibile optare per la ridondanza con due soluzioni OVHcloud Connect tra due Points of Presence (PoP) geograficamente distanti e utilizzare i meccanismi di ridondanza BGP per gli ambienti critici.

Vuoi saperne di più o effettuare un ordine?
Un consulente OVHcloud ti ricontatterà gratuitamente.
I nostri partner

Vantaggi del BGP

Il BGP (Border Gateway Protocol) è un protocollo di routing tra sistemi autonomi che ha sostituito il protocollo per lo scambio delle rotte esterne EGP (Exterior Gateway Protocol). Permette di gestire lo scambio di informazioni tra sistemi autonomi utilizzati per OVHcloud Connect. Diversamente dai protocolli di routing interni (come RIP o IGRP), il BGP non considera la distanza tra router e destinazione ma una serie di parametri più precisi precedentemente definiti. Il principale vantaggio consiste nella possibilità di gestire numerosi instradamenti, selezionati sulla base di una politica propria: si può scegliere, ad esempio, di limitare il numero di sistemi autonomi collegati, rifiutare il transito o privilegiare alcuni sistemi al posto di altri. Questo protocollo offre quindi ai sistemi autonomi una protezione contro i loop e, in misura minore, consente di gestire il carico di traffico in base all’annuncio della rete.